G.E.C.O.

Il proponente

CARLO AZZI

 

Altri membri del gruppo

GIANFRANCO BELLEZZA, ELIA ABBONDANTE, GIULIA DI CAPUA

Area di riferimento
 
Centro
Settore di applicazione
 
Sito web
 

L’idea Imprenditoriale

G.E.C.O propone un apparecchio per la sintesi di radiofarmaci automatico e controllato per mezzo di una postazione di comando remota. Consente la sintesi di radiofarmaci a base peptidica, ad uso diagnostico e/o terapeutico, all'interno di collettori monouso opportunamente schermati ed ermeticamente connessi tra di loro, riuscendo così a superare le difficoltà pratiche intrinseche della preparazione sia manuale che semi-automatica dei composti, grazie all'automatizzazione dell'intero processo, e preservando l'operatore dalla prolungata e ravvicinata esposizione a prodotti radioattivi. La postazione di comando e controllo remota è caratterizzata da un'unità del tipo PLC (Programmable Logic Controller) che gestisce il funzionamento globale dell'apparecchiatura. da un'interfaccia di collegamento per l'interconnessione dell'unità stessa con un personal computer, attraverso cui l'operatore può interagire -a distanza di sicurezza- con l'intero processo di sintesi, da una pluralità di apparati per l'archiviazione e la gestione dei dati inerenti la sintesi dello specifico radio farmaco realizzato in funzione del singolo paziente trattato e da una stampante per l'elaborazione del report "attività finale" contenente tutte le informazioni relative alla specifica sintesi. Il rilevatore di radioattività è un misuratore di radioattività progettato e realizzato ad hoc per l'apparecchio di sintesi in grado di effettuare, attraverso l'utilizzo di un software, una calibrazione del dosaggio del radio farmaco associata ad ogni singolo paziente da trattare.

Le informazioni relative alla società e contenute nella presente pagina non possono in alcun modo essere intese quale suggerimento - diretto o indiretto - ad effettuare investimenti di qualsivoglia natura. Ogni eventuale determinazione in merito ad operazioni che implichino partecipazioni al capitale della società stessa da parte di qualsivoglia soggetto dovrà essere sempre considerata come effettuata ad esclusiva iniziativa di quest'ultimo, senza alcun suggerimento né valutazione - diretti o indiretti - da parte di UniCredit.